Che i Sindaci difendano il risultato del referendum

Standard

A nome del direttivo del Forum Ambientalista di Grosseto ho chiesto ai Sindaci di esprimersi nel merito di quanto Claudio Ceroni presidente di una società che gestisce il servizio pubblico dell’acqua ha affermato sulla stampa locale ovvero che, nel caso di autoriduzzoni, saranno applicati gli interessi di mora.

Sul sito del Forum il comunicato per esteso.

… e io pago!

Standard

Pubblico il comunicato del Comitato referendario acqua pubblica “Grosseto Amiata Val d’Orcia” in merito alle vicende che riguardano le incredibili dichiarazioni rilasciate la scorsa settimana dal Presidente dell’ATO Ombrone, Moreno Periccioli:

“… e io pago!”,
è proprio il caso di ricordare la famosa battuta di Totò, leggendo le notizie comparse, alcuni giorni fa, su alcuni quotidiani. In quegli articoli veniva dato conto del consumo annuo di acqua, nei vari ATO toscani . In alcuni ATO, tra cui il nostro, si è verificato,rispetto alle previsioni, un minor consumo di acqua. Bene! Avranno pensato sicuramente molti lettori, ma la doccia fredda è arrivata subito. Il Presidente dell’ATO Ombrone, Moreno Periccioli, dichiara che “Il prossimo anno può darsi che ci sarà da operare un ricalibramento delle tariffe”.
Nonostante che molti toscani siano stati virtuosi dovranno, comunque,subire un ritocco in alto delle bollette. Come è possibile?

Quello che sembra un paradosso è solo l’effetto di quella parte del comma 1 art.154 del Decreto legislativo 152 / 2006 nel quale si dispone che la tariffa per il servizio idrico sia determinata tenendo conto dell’ “adeguatezza della remunerazione del capitale investito”, consentendo, così, al gestore di ottenere profitti garantiti sulla tariffa, caricando sulla bolletta dei cittadini un 7% a remunerazione del capitale investito, senza alcun collegamento a qualsiasi logica di reinvestimento per il miglioramento qualitativo del servizio.
L’abrogazione di questa parte della normativa è l’obbiettivo del nostro 3° referendum, su cui abbiamo raccolto più di 1.400.000 firme.
E’ bene ricordare che né il referendum proposto dall’Italia dei Valori né la recente proposta di legge del PD intendono eliminare questo privilegio di rendita per i gestori dei servizi idrici. Ai gestori la garanzia del profitto,senza alcun rischio di impresa ( quel rischio per cui la dottrina liberale prevede la giustezza del profitto), a noi cittadini la funzione di mucche da mungere !
E i nostri Sindaci, che devono tutelare i nostri interessi, cosa intendono fare?lasciarci soli o modificare lo Statuto dei loro Comuni, dichiarando l’acqua “un bene comune, di non rilevanza economica”,sottraendo così questa risorsa preziosa alle grinfie delle lobby economiche e dei partiti che le sostengono?

Da questa vicenda emerge con brutalità un altro effetto della privatizzazione dei servizi idrici :la logica del profitto pretende l’incremento continuo dei consumi. Ma l’acqua è una preziosissima risorsa fortemente limitata nel pianeta, in che modo ne incentiveremo il risparmio ?
Sempre più spesso l’affermazione “La prossima guerra mondiale sarà per il controllo dell’uso dell’acqua” trova cenni di assenso: specchio di una consapevolezza diffusa del problema o già rassegnazione ad un orizzonte di morte?
Per organizzare una risposta adeguata alla tutela dell’acqua come bene pubblico ed ai nostri interessi di viventi e cittadini, il Comitato referendario torna a riunirsi mercoledì 3 novembre pv alle ore 21, presso la saletta dell’ARCI, Via Ravel 15. Tutte le persone che hanno a cuore il futuro dell’umanità e la pace tra i popoli sono invitate a partecipare

SI SCRIVE ACQUA , SI LEGGE DEMOCRAZIA … ma anche PACE.

Chi risparmia acqua paga di più

Standard

In merito alla intervista fatta a Moreno Periccioli da Il Tirreno del 28-10-2010 PerUnAltraToscana ha subito denunciato la vicenda con un comunicato stampa, che a non ha trovato finora spazio nella stampa cartacea, e che riporto per interno:

La notizia che i cittadini della provincia di Grosseto dovranno pagare una multa per aver risparmiato circa 1,3 milioni di metri cubi di acqua, rispetto a quanto preventivato dall’Acquedotto del Fiora, è la dimostrazione più evidente della prevalenza degli interessi privati nella gestione del Servizio idrico: comanda il socio privato di maggioranza relativa presente nella Spa Acquedotto del Fiora. Il privato non può veder ridotti gli utili previsti, per la nota legge del massimo profitto, più si consuma acqua e più questi guadagna. Gli amministratori pubblici, che dovrebbero tutelare i nostri interessi di cittadini e cittadine, intanto  nulla fanno per ridurre le previsioni dei consumi e per realizzare tali risparmi. Si arriva così al paradosso per cui se i cittadini virtuosi riducono i consumi, in quanto sempre più consapevoli della limitatezza della  preziosa risorsa idrica, entrano in conflitto con gli interessi dei privati e vengono penalizzati e scoraggiati. Una ulteriore conferma della necessità che  l’acqua non venga ritenuta una merce, ma un bene comune di tutti.
Per l’acqua stiamo registrando lo stesso fenomeno già denunciato per i rifiuti: così come per i rifiuti non si può far crescere la raccolta differenziata di qualità e il riciclaggio dei materiali, consentendo un notevole risparmio per i cittadini, più occupazione e minore presenza dei tumori, perché altrimenti il soggetto privato non ha più il combustibile da bruciare nei suoi impianti di incenerimento, così per l’acqua non si possono ridurre i consumi.
Invitiamo la stampa ad intervistare i massimi dirigenti politici del PD e PDL di questa provincia, che hanno voluto e sostenuto la privatizzazione dei servizi pubblici, cioè da Sani ad Antichi, dalla Bramerini ad Agresti, affinché spieghino ai lettori come mai il “modello toscano” sia fallimentare per i cittadini, che subiscono le tariffe più alte d’Italia con costanti e forti aumenti, un pessimo servizio e al tempo stesso un aumento delle previsioni dei consumi.

PerUnAltraToscana  – Maremma
Paola Tamanti

Cercheremo di non piegarci a questo ennesimo furto da parte dei soggetti privati, che nei fatti gestiscono il servizio idrico e che hanno garantito il 7% sui capitali investiti, anche sulle previsioni sbagliate dei consumi, alla faccia della legittimazione degli interessi quale compenso dei rischi di impresa, cercando di organizzare il non pagamento degli aumenti proposti.

Roberto Barocci

Un furto sull’acqua

Standard

Il Tirreno del 28-10-2010, nelle pagine regionali, intervistando Moreno Periccioli, presidente dell’Ambito Territoriale dell’Ombrone, cioè il presidente dell’Assemblea di tutti i sindaci del grossetano e del senese serviti dall’Acquedotto del Fiora, titola “Acqua, chi risparmia ci rimette.”, dando una notizia incredibile, allarmante ed offensiva: poiché abbiamo risparmiato 1,3 milioni di metri cubi di acqua potabile, dovremo pagare una penale. (vedi:
http://www.provincia.grosseto.it/rassegna/text.php?text=t208982 )

Un riconoscimento davvero importante

Standard

E’ per noi una grande soddisfazione sapere che il Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua e la lista civica MassaComune, nel cui territorio comunale abbiamo girato il video “l’acqua rubata”, abbiano ritenuto  di pubblicare sui  propri siti il suddetto video: un riconoscimento davvero importante.

Ringraziamo e segnaliamo anche  la pubblicazione su  l’atracitta.

Roberto Barocci e Giammarco Serra.