Enel Green Power perde in Amiata la causa e viene condannata alle spese

Standard

Il Tribunale di Grosseto ha emesso una Sentenza a favore di Pino Merisio, militante di SOS Geotermia e di Rifondazione Comunista, condannando ENEL Green Power alle spese processuali.

Ne dà notizia sia la Stampa locale, che il sito di SOS Geotermia ( https://sosgeotermia.noblogs.org/ ) pubblicando un suo comunicato, dove si mettono in evidenza i passaggi più significativi della Sentenza .

Il sottoscritto in Conferenza stampa ha voluto segnalare un un aspetto significativo della qualità etica e morale dei dirigenti di ENEL Green Power, i quali  nel corso del processo hanno sostenuto che in Amiata non sarebbero stati segnalati eccessi di mortalità, rispetto ai paesi limitrofi non geotermici, come aveva affermato il Merisio. Basta leggere per farsene una idea.

L’Enel Green Pawer ha  replicato sostenendo che comunque le emissioni sono al di sotto dei limiti normativi. Lo sostiene anche la Sentenza, ma, prima o poi, riusciremo a dimostrare il contrario anche in sede giudiziaria.

Per il momento la Sentenza, come riporta correttamente Il Tirreno , afferma un fatto molto importante, oltre al riconoscimento del diritto di critica e al riconoscimento che le preoccupazioni denunciate sono fondate su dati indiscutibili. La Sentenza afferma che:

Il parlare d’inquinamento e di sostanze tossiche, poi, non è certo impedito dal fatto che un’attività sia consentita dalla pubblica amministrazione, posto che la scelta di parametri da non superare è –con tutta evidenza – frutto di un compromesso, comprensibile, certo, e finanche apprezzabile per talune opinioni, ma preoccupante e da contrastare per altre”.

Sembra incredibile che una pubblica amministrazione possa stabilire i limiti di emissione da non superare, secondo compromessi con un soggetto privato, ma questa è la realtà praticata dalla Regione Toscana: basta leggere la frase scritta nella Delibera 344/2010, con cui la Giunta Regionale Toscana  ha fatto precedere la tabella 4.1 che stabilisce i limiti da rispettare delle emissioni di sostanze cancerogene  (come Acido Solfidrico e Mercurio): “Relativamente ai valori di emissione è da premettere che tali valori non costituiscono riferimenti per la tutela sanitaria, ma sono limiti stabiliti sulla base delle migliori “tecniche disponibili” e in relazione alle caratteristiche dei fluidi geotermici.

E se i fluidi geotermici son particolarmente inquinanti come in Amiata e se le centrali geotermiche dell’ENEL in Amiata, come sostiene uno degli scienziati italiani più accreditati , sono più inquinanti delle centrali a carbone, pazienza…Questa è la cultura democratica e il rispetto della Costituzione del PD, che governa la Toscana.

Roberto Barocci