Enel Green Power perde in Amiata la causa e viene condannata alle spese

Standard

Il Tribunale di Grosseto ha emesso una Sentenza a favore di Pino Merisio, militante di SOS Geotermia e di Rifondazione Comunista, condannando ENEL Green Power alle spese processuali.

Ne dà notizia sia la Stampa locale, che il sito di SOS Geotermia ( https://sosgeotermia.noblogs.org/ ) pubblicando un suo comunicato, dove si mettono in evidenza i passaggi più significativi della Sentenza .

Il sottoscritto in Conferenza stampa ha voluto segnalare un un aspetto significativo della qualità etica e morale dei dirigenti di ENEL Green Power, i quali  nel corso del processo hanno sostenuto che in Amiata non sarebbero stati segnalati eccessi di mortalità, rispetto ai paesi limitrofi non geotermici, come aveva affermato il Merisio. Basta leggere per farsene una idea.

Continua a leggere

La Solemme Spa (gruppo Acea) a Monterotondo M.mo falsa i dati

Standard

Ieri si è svolto a Monterotondo M.mo un Convegno, organizzato dalla locale lista di minoranza in Consiglio comunale, la quale ha chiamato diversi relatori (vedi  Locandina CONVEGNO). Il Convegno ha avuto come oggetto l’impianto che la soc. Solemme Spa del gruppo Acea ha intenzione di realizzare  in quel comune.

Il tentativo della Solemme Spa,  per  superare l’opposizione che una parte della popolazione locale ha fatto in passato e sta facendo,  è stato quello di produrre una documentazione fuorviante e accreditare l’idea che il suo impianto sia finalizzato alla produzione di compost e che sia di pubblica utilità, perché inserito nella Pianificazione dell’ATO-Sud. Non è vero e lo abbiamo dimostrato. In realtà non è utile alla collettività e non è inserito nella pianificazione pubblica. E’ concepito per essiccare  diverse decine di migliaia di tonnellate di fanghi di depurazione delle acque nere, per poi avviarli all’incenerimento: quindi è un  impianto per incenerire fanghi.

Qualora le pubbliche amministrazioni scegliessero dopo aver compiuto analisi costi/benefici, si troverebbe che l’incenerimento dei rifiuti è la soluzione meno conveniente e che l’alternativa per lo smaltimento dei fanghi di depurazione sarebbe quella della fitodepurazione in tutti i luoghi di produzione dei fanghi, oppure del loro diffuso, ma modesto impiego, negli stessi luoghi di produzione dei fanghi e all’interno degli impianti di produzione di compost, senza una loro forte concentrazione, che inevitabilmente li avvia all’incenerimento e all’incremento delle nano patologie.

Roberto Barocci, Forum Ambientalista Grosseto

 

 

Un premio “Nobel” venerdì prossimo a Grosseto

Standard

Quanti politici e amministratori pubblici in Italia parlano di sostenibilità ambientale?
Quanti cittadini sono preoccupati dei cambiamenti climatici?
Li invitiamo tutti ad ascoltare le proposte e le scelte di Rossano Ercolini, unico italiano a ricevere il premio internazionale Goldman, il “nobel” per la difesa dell’Ambiente, finalmente a Grosseto, Venerdì prossimo, ore 16,30, Sala Pegaso, piazza Dante .
Continua a leggere

La geoterrmia in Amiata non è sostenibile, né rinnovabile.

Standard

Questa lunga intervista è stata rilasciata ad una studentessa nel 2012. Nei mesi successivi ulteriori studi e documenti hanno confermato le tesi esposte, rendendole attuali. L’intervista è suddivisa in quattro temi:
1 – L’ utilizzo del calore geotermico e le tecniche insostenibili usate in Amiata
2 – La geotermia in Amiata e la perdita di risorse idriche potabili
3 – La geotermia in Amiata concorre ad un eccesso di mortalità
4 – Geotermia e investimenti per i fabbisogni idrici