Sull’Autostrada, il TAR Lazio fa un po’ di luce

Standard

La recente sentenza del Tar Lazio, che ordina alla SAT di presentare finalmente il Piano finanziario definitivo, dal quale si potrà stabilire quanto costerà allo Stato il progetto autostradale, conferma quanto poca trasparenza ha accompagnato finora la scelta affaristica di realizzare comunque l’autostrada tirrenica.
Luca Sani, il Presidente della Regione Conti e il Centrodestra, che finora avevano ripetutamente e in ogni occasione affermato che la SAT avrebbe realizzato l’autostrada a costo Zero per lo Stato, ora chiedono insistentemente contributi statali da concedere alla SAT, ma stranamente non hanno finora chiesto di prendere visione del Piano finanziario definitivo, che, per farlo depositare alla SAT, è dovuto intervenire il TAR Lazio.
Questa vicenda è significativa.
Abbiamo potuto scrivere che la SAT ha finora presentato Piani Economici Finanziari non veritieri perché nella Relazione Istruttoria del 16 dicembre 2008 del Ministero delle Infrastrutture, che presentò al CIPE la Proposta di approvazione del Progetto preliminare dell’autostrada è scritto a pag.4 che : “Il Concessionario ha sviluppato una ipotesi di piano economico finanziario di massima…, da cui risulta che il costo di costruzione dell’opera principale e delle opere compensative possa essere completamente a carico del Concessionario medesimo grazie ad una operazione di finanza di progetto.” Abbiamo poi letto nella Deliberazione del CIPE del 22.7.2010 che quel Piano non era veritiero, in quanto è scritto che:“ questo Comitato ha formulato prescrizioni…prevedendo, tra l’altro, la redazione di un nuovo piano economico-finanziario riportante un valore di subentro pressoché nullo.”
I documenti che la recente Ordinanza del TAR Lazio renderà finalmente accessibili, potranno consentire a tutti di verificare che l’autostrada non si ripaga se i residenti, che rappresentano il 70% del traffico, non pagheranno pedaggi esosi ed esorbitanti, già previsti dalla SAT e che tutta la manovra, concepita dalla SAT e & del costo ZERO per lo Stato, è servita solo per accantonare il progetto ANAS 2001 di adeguamento dell’Aurelia, senza pedaggio e senza rendite parassitarie per i privati. Dal 2005 quel progetto è stato accantonato solo ripetendo in tutte la sedi, che la SAT avrebbe realizzato l’autostrada a costo zero per lo Stato. Attendiamo risposte da chi ha sostenuto questa teoria e da chi oggi chiede contributi statali.

Roberto Barocci.
Forum Ambientalista Grosseto